Bistecca alla fiorentina

Print Friendly, PDF & Email

 

Ingredienti x 4 persone

2 bistecche di vitellone 7-800 gr.

Olio extravergine di oliva

Sale e pepe

Bistecca alla fiorentina

Io la faccio così

Ho letto e sentito mille versioni (tutte naturalmente autorevoli) su come si prepara e cuoce la bistecca alla fiorentina.

 

I turisti che vengono a Firenze raccontano di aver mangiato bistecche alte come la Divina Commedia…..

Lasciate perdere certe aberrazioni e preparerete con successo una bistecca saporitissima seguendo questi semplici accorgimenti:

Naturalmente parliamo di carne di manzo, possibilmente di razza chianina.

Fondamentale è il taglio, deve essere nella lombata, completo di filetto e controfiletto ed il grasso bianco.

La frollatura di circa 5 giorni.

Normalmente una buona macelleria è in grado di soddisfare queste esigenze.

Importante l’altezza del taglio: 2 dita o meglio 3 cm (peso circa 7-800 gr.)

Non lasciatevi convincere con altezze maggiori.

Preparare una brace abbondante possibilmente con legna di quercia, altrimenti va bene anche la carbonella di uso più comune.

E’ importante che la brace sia viva e senza fiamma.

Levare la carne dal frigo almeno 2 ore prima della cottura.

Posizionare la griglia ad un’altezza dalla brace di circa 5 cm (La cottura dovrà essere rapida e violenta).

A questo punto non vi resta altro che mettere sopra la bistecca senza alcun tipo di condimento o speziatura, così com’è, al naturale.

Cottura di 3 minuti da una parte e 3 minuti dall’altra.

Otterrete così una carne ben arrostita in superficie e al sangue nell’interno.

Condire solo a cottura ultimata con sale e  pepe macinato, ungere con dell’olio extravergine d’oliva.

Si gusta accompagnata da radicchio di campo oppure quando è il periodo dei funghi, è favolosa con una bella cappella di porcino arrostita e servita sopra .

Da provare l’Acciugata detta anche Salsa del Valdarno che troverete su questo sito.

 

ABBINAMENTO VINI

Vini toscani: Chianti  classico

Vini italiani: Montepulciano d’Abruzzo

This entry was posted in Secondi. Bookmark the permalink.

Comments are closed.