Ribollita

La preparazione della ribollita necessita di alcune premesse:

La cottura dei fagioli deve essere fatta a fuoco bassissimo in modo che l’acqua “frema”. Questo perché se la cottura viene fatta sostenuta i fagioli si rompono, vengono svuotati e rimangono quasi tutte bucce.

L’acqua dev’essere abbondante (2-3lt) e condita con 2 cucchiai d’olio, 1 pomodoro, 1 spicchio d’aglio , salvia e sale.

Il cavolo nero dev’essere privato delle costole e tagliato a listarelle così come il cavolo verza.

Il pane toscano dev’essere tagliato a fette alte 1 cm e raffermo per una settimana.

Preparare la ribollita il giorno prima della consumazione.

PROCEDURA

In un grande tegame (possibilmente di coccio) mettete a rosolare il trito della cipolla e dell’aglio. Una volta imbiondito aggiungere il porro, il sedano e le carote, il tutto affettato molto finemente, quindi unire i pomodori spezzettati, pepolino , sale, pepe ed i cavoli tagliuzzati. Far appassire tutte le verdure.

Prendete ora i fagioli cotti mettetene circa un quarto da parte e passare il resto dentro l’acqua di cottura. Aggiungete tutto questo passato alla zuppa.

Fate cuocere per circa un’ora e comunque quando il cavolo nero sarà ben cotto.

Quando sarà tutto pronto aggiungete i fagioli interi messi da parte; far cuocere ancora qualche minuto, la preparazione dovrà risultare piuttosto liquida.

Al momento di servire riscaldare a fuoco basso e con il coperchio.

Assolutamente niente formaggio!

 Aggiungere, una volta servito nei piatti , un filo d’olio extravergine d’oliva.

Se gradita,cipolla rossa fresca tagliata a fette

ABBINAMENTO VINI

Vini toscani: Chianti colli fiorentini o senesi, Chianti classico

Vini italiani: Montepulciano d’Abruzzo

This entry was posted in Primi Piatti. Bookmark the permalink.

Comments are closed.